Aumentare la nitidezza di un'immagine con Photoshop

December 12, 2013  •  Leave a Comment

Unsharp mask di PhotoshopQuasi ogni fotografia trae giovamento da un leggero aumento della nitidezza, operazione che può essere anche abbastanza marcata se si tenta di recuperare delle immagine evidentemente sfocate. Il problema che spesso ci si pone è quale tra le diverse opzioni offerte da Adobe Photoshop utilizzare. La versione CS6, ad esempio, nel menù Filtro>Nitidezza, permette di scegliere tra ben 5 opzioni:

  • Bordi nitidi
  • Maschera di contrasto
  • Nitidezza
  • Nitidezza avanzata
  • Nitidezza maggiore

Le considerazioni presenti in questo piccolo articolo nascono dal confronto tra le opinioni espresse da diversi libri e siti internet specialistici ed in parte anche da test personali.

Iniziamo col dire che se intendiamo regolare con una certa precisione il fotoritocco della nostra immagine, la scelta, inevitabilmente, ricade su Maschera di contrasto (Unsharp mask) o Nitidezza avanzata (smart sharpen). Photoshop infatti consente di raggiungere gli stessi risultati con diversi metodi e mette a disposizione anche parecchie funzioni automatizzate, pensate per i principianti, che spesso però non consentono di regolare con precisione i ritocchi.

Quando avete intenzione di aumentare la nitidezza delle vostre immagini, tenete presente che solitamente si tratta dell'ultima operazione di fotoritocco che viene eseguita. Tra l'altro, se l'immagine presenta rumore e disturbi, conviene prima filtrare il rumore, pena il rischio di vederlo maggiormente definito dopo l'operazione di sharpening.

I filtri di sharpening funzionano diversamente su immagini di diverse dimensioni. Valutate quindi con cura se lavorare col l'immagine originale o ridimensionata. A volte, inoltre, si ottengono risultati migliori applicando diverse volte lo sharpening in piccola quantità anzichè una sola volta.

La scelta tra unsharp mask e smart sharpening è veramente dura. Il primo è un filtro storico di Photoshop che prende il nome da una tecnica già utilizzata con la fotografia tradizionale mentre il secondo è stato introdotto a partire dalla versione CS2 di Photoshop. Opinione molto diffusa è che grossomodo i risulati ottenibili sono gli stessi per cui molti fotografi di vecchia data continuano ad utilizzare l'unsharp mask che hanno utilizzato per anni. I parametri regolabili con lo smart sharpen sono veramente tantissimi e vanno spesso oltre le conoscenze basiche di Photoshop. L'unsharp mask o maschera di contrasti, invece, ha tre parametri: fattore, raggio e soglia. Il primo. Il fattore viene regolato in percentuale (da 1 a 500) e regola il contrasto tra i pixel chiari e quelli scuri; il raggio indica quanti pixel nella zona di soglia verranno coinvolti nello sharpening; soglia indica a Photoshop quanta differenza vi deve essere tra due pixel in modo che Photoshop li consideri margine.

Col tempo e con la pratica ognuno troverà le impostazioni personali migliori, che potranno anche essere salvate. Un utile ed indicativa base di partenza viene data in un capitolo del libro "The Adobe Photoshop CS6 book for digital photographers" di Scott Kelby. Eccovi qualche esempio:

  • Leggero > fattore: 120%  raggio 1  soglia: 10
  • Moderato > fattore: 120%  raggio: 1  soglia: 3
  • Massimo > fattore: 65 %  raggio: 4  soglia: 3
  • Multiuso > fattore: 85%  raggio: 1  soglia: 4
  • Web> fattore: 200% (anche 400%)  raggio: 0,3  soglia: 0

Per quanto riguardo lo smart sharpening, invece, parlando per esperienza personale, lavorando con immagini da 6 Mpx mi trovo spesso bene con valori di fattore 30-50% e raggio 3-5px. Un'altra tecnica interessante, citata in molte pagine web e anche nel libro sopraindicato, è l'high pass sharpening che prevede di duplicare il livello di sfondo, applicare un filtro high pass (accentua passaggio) e poi cambiare il blend mode in hard light (luce vivida).

Ma più di mille parole valgono senz'altro i fatti. Ecco, allora, che ho provato ad applicare le varie configurazioni su un crop di una pessima immagine di un fenicottero, piuttosto sfocato. Potrete valutare da voi i risulati e decidere quale opzione fa più al caso vostro.

 

 

originale, crop 100%

origin

f:120 - r:1 - s:10 (Leggero)

120-1-10

f:120 - r:1 - s:3 (Moderato)

120-1-3

 f:65 - r:4 - s:3 (Massimo)

65-4-3

 

 f:85 - r:1 - s:4 (Multiuso)

85-1-4

 f:200 - r:0,3 - s:0 (Web)

200-03-0

Smart sharpening f:50% r:5px

smart-5-5

High pass 1px

hp-1

 

 


Comments

No comments posted.
Loading...

Argomenti del blog

 


Microstock

Le mie immagini sono reperibili in formato digitale, oltre che su questo sito anche sui principali siti di microstock, dove è possibile scaricarle per l'utilizzo con licenza royalty free o editoriale. I miei portfolio sono reperibili sui siti:

Dreamstime

Shutterstock

 



 

 

Subscribe
RSS
Archive
January February March April May June July August (1) September (1) October (4) November (1) December
January (1) February (1) March April May June July August September October November (1) December (2)
January (1) February (4) March April (2) May June July August September October November (1) December (1)
January (1) February March April May June July August September October November (1) December (2)
January February March April May June July August September October November (1) December
January February March April May June July August September October November (1) December
January February March April May (1) June July August September October November December (1)
January (1) February March (2) April (1) May June (1) July August September (1) October November December